Skip to content

Proposta di traduzione per il doppiaggio di un episodio della serie tv spagnola "Aquí no hay quien viva"

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Cupisti
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Traduzione e Interpretazione
  Relatore: Mercedes Ariza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 170

Il presente lavoro nasce dalla mia grande passione per la traduzione ed in particolare per quella audiovisiva. Tale interesse è cresciuto fortemente negli ultimi tempi, durante le attività didattiche, grazie anche alla serie tv spagnola Aquí no hay quien viva, divenuta poi oggetto di analisi della presente tesi. La serie ha saputo conquistare il pubblico del piccolo schermo per diversi motivi, tra cui la comicità dei personaggi e l’originalità dei temi trattati, che si alternano tra serietà (il coma e l’omosessualità) e leggerezza (le relazioni amorose, i problemi adolescenziali).
L’idea per la stesura di questa tesi nasce inoltre dalla mancanza di una versione doppiata in Italia di Aquí no hay quien viva; essendo una serie di grande successo in Spagna ed avendo tutte le caratteristiche per ottenere ottimi risultati anche nel nostro Paese, si è pensato di proporre la traduzione di un episodio della prima stagione che potrebbe essere adattata per il doppiaggio. Come viene spiegato nel corso del lavoro, la traduzione proposta cerca di rispettare nel miglior modo possibile le regole per l’adattamento al doppiaggio, a partire dalla salvaguardia del testo originale, che non deve essere modificato, fino ad arrivare a questioni legate al tema della sincronizzazione.
La tesi è suddivisa in quattro capitoli: il primo costituisce la parte teorica vera e propria e presenta alcune definizioni di traduzione audiovisiva (TAV) proposte da autori illustri, quali Elisa Perego e Frederic Chaume, per poi descrivere la nascita e lo sviluppo di tale tipologia traduttiva. Successivamente vengono elencate le varie modalità di TAV, mettendo in luce principalmente il doppiaggio, a cui viene dedicato un paragrafo, nel quale si nominano i Paesi che fanno uso di tale tecnica e le motivazioni per cui questi optano per questa tipologia. Il paragrafo prosegue con la descrizione delle varie fasi del doppiaggio, a partire dalla ricezione del testo originale fino all’elaborazione del testo finale. In questa parte si mettono in luce sia il punto di vista del dialoghista o adattatore sia quello del traduttore, figura fondamentale all’interno del processo di doppiaggio, e si analizza il fatidico dilemma riguardante la scelta tra doppiaggio e sottotitolaggio. L’ultimo paragrafo è dedicato al modello di analisi testuale proposto da Chaume (2004).
Il secondo capitolo è dedicato alla serie televisiva Aquí no hay quien viva, oggetto di analisi della tesi ed inizia con una breve panoramica sulla serie, in cui vengono descritti i premi vinti, gli argomenti trattati, il successo ottenuto e le critiche ricevute. Segue poi una breve presentazione delle caratteristiche della serie tv come genere testuale. Il penultimo paragrafo illustra i protagonisti di Aquí no hay quien viva, accompagnati dalle loro caratteristiche principali, mentre l’ultimo rappresenta una vera e propria scheda tecnica, in cui compaiono regista, produttore esecutivo ed attori principali.
Il terzo capitolo costituisce la parte più pratica del lavoro: innanzitutto viene descritta la trama dell’episodio in analisi, il numero 16 della prima stagione. Il lavoro di analisi è stato effettuato sui vari livelli proposti dal modello, che abbracciano sia il contenuto vero e proprio sia il linguaggio utilizzato. In appendice si possono consultare sia il testo originale che la traduzione proposta per un eventuale doppiaggio. Nel quarto ed ultimo capitolo vengono menzionati i principali ostacoli riscontrati nella traduzione in italiano e le strategie adottate di volta in volta per ottenere un risultato soddisfacente e convincente per il pubblico d’arrivo. Attraverso la consultazione di fonti specifiche (Agost 1999), è stato possibile trovare soluzioni per affrontare le difficoltà nel tradurre riferimenti culturali, linguaggio colloquiale, espressioni peculiari di alcuni personaggi ed atteggiamenti degli stessi.
La presente tesi termina con le conclusioni, in cui si tirano le somme del lavoro svolto e si descrive cosa è emerso dall’elaborazione dello stesso, e con un’attenta bibliografia e sitografia delle fonti citate.

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Cupisti
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Traduzione e Interpretazione
  Relatore: Mercedes Ariza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 170

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Il presente lavoro nasce dalla mia grande passione per la traduzione ed in particolare per quella audiovisiva. Tale interesse è cresciuto fortemente negli ultimi tempi, durante le attività didattiche, grazie anche alla serie tv spagnola Aquí no hay quien viva, divenuta poi oggetto di analisi della presente tesi. La serie ha saputo conquistare il pubblico del piccolo schermo per diversi motivi, tra cui la comicità dei personaggi e l’originalità dei temi trattati, che si alternano tra serietà (il coma e l’omosessualità) e leggerezza (le relazioni amorose, i problemi adolescenziali). L’idea per la stesura di questa tesi nasce inoltre dalla mancanza di una versione doppiata in Italia di Aquí no hay quien viva; essendo una serie di grande successo in Spagna ed avendo tutte le caratteristiche per ottenere ottimi risultati anche nel nostro Paese, si è pensato di proporre la traduzione di un episodio della prima stagione che potrebbe essere adattata per il doppiaggio. Come viene spiegato nel corso del lavoro, la traduzione proposta cerca di rispettare nel miglior modo possibile le regole per l’adattamento al doppiaggio, a partire dalla salvaguardia del testo originale, che non deve essere modificato, fino ad arrivare a questioni legate al tema della sincronizzazione. La tesi è suddivisa in quattro capitoli: il primo costituisce la parte teorica vera e propria e presenta alcune definizioni di traduzione audiovisiva (TAV) proposte da autori illustri, quali Elisa Perego e Frederic Chaume, per poi descrivere la nascita e lo sviluppo di tale tipologia traduttiva. Successivamente vengono elencate le varie modalità di TAV, mettendo in luce principalmente il doppiaggio, a cui viene dedicato un paragrafo, nel quale si nominano i Paesi che fanno uso di tale tecnica e le motivazioni per cui questi optano per questa tipologia. Il paragrafo prosegue con la descrizione delle varie fasi del doppiaggio, a partire dalla ricezione del testo originale fino all’elaborazione del testo finale. In questa parte si mettono in luce sia il punto di vista del dialoghista o adattatore sia quello del traduttore, figura fondamentale all’interno del processo di doppiaggio, e si analizza il fatidico dilemma riguardante la scelta tra doppiaggio e sottotitolaggio. L’ultimo paragrafo è dedicato al modello di analisi testuale proposto da Chaume (2004).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi