Skip to content

Firenze alla conquista del Sudamerica: la spedizione di Ferdinando de' Medici del 1608

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Quaranta
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi del Salento
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Storia moderna
  Relatore: Giuseppe Patisso
Coautore: Antonio Quaranta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 92

Dopo la pace di Cateau Cambrèsis del 1559, che pose fine al conflitto tra gli Asburgo e la Francia, si venne a costituire un nuovo equilibrio in Italia. I francesi dovettero abbandonare tutti i loro possedimenti italiani e un nuovo rapporto di forze si venne a costituire sulla penisola. Protagonisti assoluti divennero gli spagnoli, i quali, direttamente o indirettamente, controllavano l’Italia per intero. Il Sud era completamente sotto influenza spagnola, e vi rimase pressochè fino al ‘700. I francesi mantenevano in Italia il Marchesato di Saluzzo e i rapporti con il Ducato di Savoia che alla fine passò dalla parte francese per estendere la propria influenza. La Repubblica di Venezia, sebbene attaccata sotto tutti i fronti durante la Lo Stato della Chiesa rimase molto arretrato e legato all’influenza spagnola. Il Ducato di Toscana, invece, grazie all’abilità dei suoi Granduchi, riuscì a ritagliarsi uno spazio importante nell’economia delle relazioni geopolitiche del tempo. Uno dei sovrani senz’altro più lungimiranti fu Ferdinando I de Medici. Succedette al trono nel 1587; si distinse da subito come abile stratega, curando rapporti diplomatici del Granducato in modo tale da mantenere la sua autonomia politica. Spalleggiò le campagne di Filippo III e quelle del Sacro Romano Impero e appoggiò Enrico IV di Francia che stava lottando contro la Lega Cattolica. Tutte queste relazioni diplomatiche si inserirono nell’ambizioso progetto da parte del Granduca di rendere Firenze militarmente ed economicamente indipendente dalle altre potenze.
Fu proprio da questo periodo che Livorno divenne un importante centro marittimo ed economico, punto di approdo di genti dalle più diverse culture nel Ducato. La città si trasformò da piccolo centro di provincia a importante porto snodo del Mediterraneo. Ferdinando progettò di compiere nei primi del 600’ e che prevedeva la fondazione di una colonia nelle Americhe.
Il granduca tentò attraverso le sue abilità diplomatiche a strappare un possedimento in Africa, soprattutto per i minori costi che l’operazione avrebbe comportato. I re dei mari del tempo, prima dell’avvento di Inghilterra, Olanda e Francia come potenze coloniali, erano Spagna e Portogallo. Questi ultimi, in particolare, furono i primi a costruire avamposti commerciali che permisero loro il controllo costante dei mercati e il predominio sulle rotte, prima nel Mediterraneo e poi sull’Atlantico. Nel 1494 il Trattato di Tordesillas, sancito con la bolla papale Inter Caetera da Alessandro VI Borgia, divideva sostanzialmente il mondo extraeuropeo in un duopolio gestito dall’impero portoghese e da quello spagnolo.La possibilità di rendere il suo Ducato una potenza economica e militare al pari di quelle spagnola e portoghese fu per lui una grande ambizione. Ferdinando nel 1608 decise di armare una caravella e di organizzare una spedizione nel Brasile settentrionale e nelle Guiane che partì da Livorno. Insieme a Thornton - suo fidato generale inglese - decisero di visitare l’area del Rio delle Amazzoni e dell’Orinoco, alla ricerca di oro. L’obiettivo, almeno inizialmente, era quello di fondare un avamposto commerciale da base per le future spedizioni. A bordo del galeone Santa Lucia, navigarono per conto di Ferdinando per quasi un anno, facendo tappa a Trinidad e alla Caienna. Thornton rientrò a Firenze il 7 febbraio dell’anno seguente.Sfortunatamente, però, Ferdinando morì qualche mese prima del suo arrivo e il navigatore inglese non ebbe mai il piacere di riferire al Granduca riguardo le sue scoperte. Gli successe Cosimo II de Medici che decise di non dare seguito agli investimenti coloniali del suo predecessore. La situazione geopolitica divenne ancora più pressante e il piccolo Ducato tentò di destreggiarsi con varie difficoltà all’interno del mosaico di schieramenti che continuamente si fronteggiavano per l’egemonia sull’Europa: per il bilancio statale diventava impossibile investire così tante risorse per l’espansione militare.
Da lì in avanti, la priorità del Granducato fu quella della difesa dei confini nazionali e dell’investimento in politica interna. Probabilmente se Ferdinando fosse stato ancora vivo al ritorno del capitano inglese, la colonia si sarebbe costituita e nel cuore del Sudamerica, forse, ancora oggi, avremmo uno Stato di origine italiana.

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Quaranta
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi del Salento
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Storia moderna
  Relatore: Giuseppe Patisso
Coautore: Antonio Quaranta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 92

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Dopo la pace di Cateau Cambrèsis del 1559, che pose fine al conflitto tra gli Asburgo e la Francia, si venne a costituire un nuovo equilibrio in Italia. Le mire espansionistiche francesi, che dal 1494 devastavano l’Italia, ebbero fine da allora. I francesi dovettero abbandonare tutti i loro possedimenti italiani e un nuovo rapporto di forze si venne a costituire sulla penisola. Protagonisti assoluti divennero gli spagnoli, i quali, direttamente o indirettamente, controllavano l’Italia per intero. Il Sud era completamente sotto influenza spagnola, e vi rimase pressochè fino al ‘700. I francesi mantenevano in Italia il Marchesato di Saluzzo e i rapporti con il Ducato di Savoia che alla fine passò dalla parte francese per estendere la propria influenza. La Repubblica di Venezia, sebbene attaccata sotto tutti i fronti durante la guerra, mantenne tutti i suoi possedimenti marittimi e rimase sostanzialmente neutrale. Posizione che formalmente ebbe sino al 1797 quando col trattato di Campoformio vide ridimensionata per sempre la sua influenza politico-economica nel Mediterraneo. Lo Stato della Chiesa rimase molto arretrato e legato all’influenza spagnola. Il Ducato di Toscana, invece, grazie all’abilità dei suoi Granduchi, riuscì a ritagliarsi uno spazio importante nell’economia delle relazioni geopolitiche del tempo. Uno dei sovrani senz’altro più lungimiranti fu Ferdinando I, quinto figlio maschio di Cosimo de Medici ed Eleonora di Toledo. Divenne cardinale all’età di 13 anni e tolse la porpora solo quando convolò a nozze con Cristina di Lorena nel 1589. Succedette al trono nel 1587; si distinse da subito come abile stratega, curando rapporti diplomatici del Granducato in modo tale da mantenere la sua autonomia politica. Spalleggiò le campagne di Filippo III e quelle del Sacro Romano Impero e appoggiò Enrico IV di Francia che stava lottando contro la Lega Cattolica. Tutte queste relazioni diplomatiche si inserirono nell’ambizioso progetto da parte del

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

storia
guerra
firenze
granducato di toscana
espansione
medici
spezie
zucchero
conquiste coloniali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi