Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo delle banche centrali nella crisi dei mutui subprime

Il lavoro è incentrato sull'analisi dei diversi approcci adottati dalle principali Banche Centrali per curare e governare i mercati finanziari durante il propagarsi della crisi originatasi nel comparto dei mutui subprime statunitensi.
Il cuore della trattazione verte quindi sia sulla descrizione delle principali forme tecniche che la Banca Centrale Europea, la Federal Reserve e la Banca d'Inghilterra hanno utilizzato per iniettare liquidità nei rispettivi mercati di riferimento, sia sulle linee guida di politica economica, adottate dalle tre Authorities nell'interfacciarsi con i singoli operatori dei mercati e con il pubblico dei risparmiatori.
In merito a quest'ultimo tema, si sono riscontrate alcune differenze di comportamento tra le Banche Centrali prese a riferimento, soprattutto con riguardo ad alcune specifiche tematiche (ta cui "asimmetria informativa", "azzardo morale" e "too big to fail").

La modalità con cui è stato strutturato il testo prevede un primo capitolo dedicato ad un'analisi storica e comparativa dell'attuale crisi finanziaria a confronto con la Grande Depressione del 1929; un secondo capitolo che traccia i tratti salienti della crisi (tra cui si possono nominare, a titolo esemplificativo, la cartolarizzazione dei crediti ed il contagio finanziario dei mercati correlati) e ne spiega i principali effetti sui mercati finanziari (delineando altresì le risposte adottate dalle tre Banche Centrali coerentemente con i rispettivi indirizzi di politica economica); infine, un terzo capitolo in cui vengono tracciate le singole valutazioni dell'operato di BCE, FED e Bank of England in relazione al loro contesto di riferimento (caratteristiche del mercato servito, indirizzi di politica monetaria, framework operativo della rete di operatori ed intermediari finanziari e tendenze del pubblico di risparmiatori).

Mostra/Nascondi contenuto.
3 CAPITOLO I: I CAMBIAMENTI E L EVOLUZIONE DEI MERCATI FINANZIARI Obbiettivo di questo lavoro Ł di analizzare quale ruolo abbiano assunto le Banche Centrali nel governare la crisi dei mutui subprime , nonchØ di valutare l efficacia del loro intervento per preservare la stabilit dei mercati finanziari. In particolare, saranno presi in esame gli interventi della Federal Reserve, della Banca Centrale Europea e della Banca di Inghilterra e saranno mostrate le differenti politiche d azione intraprese. Prima di procedere all analisi della crisi e dell operato dei tre Regulators menzionati, sar necessario per tracciare un quadro dell ambiente i n cui essi si sono trovati ad operare: infatti, per molteplici aspetti i mercati finanziari dell intero globo si sono notevolmente evoluti e modificati nel corso del tempo, cosicchØ anche il ruolo delle Banche Centrali Ł parallelamente cambiato. In questo capitolo, sar quindi tracciato un confro nto tra i mercati finanziari attuali e quelli pre-1914 (chiaramente accennando anche ai cambiamenti intervenuti nel corso di tale periodo). Le differenze piø accentuate saranno analizzate sotto tre profili: 1. i prodotti e gli strumenti finanziari coinvolti, 2. le problematiche emerse nei mercati passati ed attuali, 3. la tipologia e l impatto delle crisi finanziarie durante i due periodi presi in considerazione. Una breve rassegna storica delle principali tendenze di politica monetaria nell ultimo secolo ci pu essere d aiuto per comprendere meglio l evoluzione ed i cambiamenti dei mercati finanziari, nonchØ l impatto di tali cambiamenti sul ruolo delle Authorities. La situazione finanziaria mondiale pre-1914 era caratterizzata dal regime di cambio ancorato all oro (l aderenza al gold standard ). Tale regime, che presupponeva rapporti fissi tra il valore delle differenti valute, era abbinato al principio di totale mobilit dei capitali, cos come delle risorse produttive: il trilemma di politica monetaria open capital

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Fernando Maria Fondi Contatta »

Composta da 70 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4374 click dal 17/03/2010.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.