Skip to content

Dal Combattimento alla Lesione: Ricerca di Indicatori in Reperti Scheletrici Umani di Età Nuragica

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Atzeni
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze biologiche
  Relatore: Giovanni Umberto Floris
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 115

L’argomento di questa tesi nasce dall’esperienza congiunta di rievocazione storica ed archeologia sperimentale che ho maturato con gli anni. Appassionato di rievocazione dal 2007, ho praticato (e continuo tuttora a praticare) la scherma ed il reenactment relativi a svariati periodi della storia della Sardegna: il periodo medioevale (giudicale), quello romano-imperiale e da ultimo quello nuragico. La necessità di avere maggiori informazioni, non disponibili tramite le fonti scritte, iconografiche e archeologiche legate sopratutto a quest’ultimo periodo, mi ha portato con gli anni a pormi ulteriori quesiti sull’argomento.
Quella dei nuragici era una società pacifica? In caso contrario come combattevano i suoi guerrieri? Che tipo di struttura gerarchico-militare avevano? Le risposte a queste domande diventavano sempre più impellenti man mano che mi confrontavo con il pubblico (e spesso con i pregiudizi legati a questo lontano periodo). Desideroso di avere delle risposte, coadiuvato dall’esperienza di artigiano-archeotecnico del bronzo che porto avanti nei ritagli di tempo, ispirato da studi sulla cosiddetta “archeologia del combattimento” e dalle tecniche forensi applicate nell’archeologia, sono giunto a conclusione che solo studiando i resti umani di quegli uomini vissuti 3000 e più anni fa, avrei potuto ricavare maggiori risposte alle mie domande.
Nel presente lavoro ho esaminato i casi più noti in letteratura di reperti scheletrici con visibili segni traumatici, ponendo particolare attenzione ai periodi preistorici. Come paragone per lo studio dei reperti nuragici è stato utilizzato lo scheletro di un presunto soldato medioevale, il quale presentava diversi traumi da combattimento. I resti ossei nuragici consistono in tre crani appartenenti a tre diverse sepolture collettive localizzate in aree della Sardegna tra loro molto distanti. Per questi tre casi si è provveduto a determinare il tipo di trauma osservato, che tipo di arma ha provocato la ferita e lo scenario ipotetico dell’aggressione che ha interessato ciascun individuo. Lo studio di questi casi ha permesso una ricostruzione delle modalità di combattimento più verosimili per tale periodo; queste hanno permesso di dedurre quali ferite e in quali aree del corpo si potrebbero riscontrare più frequentemente i traumi. La riproduzione dei traumi mediante prove d’archeologia sperimentale (test di taglio) hanno permesso di capire quali lesioni potrebbero essere prodotte da alcune specifiche armi dell’età del Bronzo. Come ultima analisi sono stati elencati i principali casi di trapanazioni craniche per poter determinare se tali pratiche siano da mettere in relazione a traumi conseguenti ad episodi violenti o a pratiche etnoiatriche.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Riassunto L’argomento di questa tesi nasce dall’esperienza congiunta di rievocazione storica ed archeologia sperimentale che ho maturato con gli anni. Appassionato di rievocazione dal 2007, ho praticato (e continuo tuttora a praticare) la scherma ed il reenactment relativi a svariati periodi della storia della Sardegna: il periodo medioevale (giudicale), quello romano-imperiale e da ultimo quello nuragico. La necessità di avere maggiori informazioni, non disponibili tramite le fonti scritte, iconografiche e archeologiche legate sopratutto a quest’ultimo periodo, mi ha portato con gli anni a pormi ulteriori quesiti sull’argomento. Quella dei nuragici era una società pacifica? In caso contrario come combattevano i suoi guerrieri? Che tipo di struttura gerarchico-militare avevano? Le risposte a queste domande diventavano sempre più impellenti man mano che mi confrontavo con il pubblico (e spesso con i pregiudizi legati a questo lontano periodo). Desideroso di avere delle risposte, coadiuvato dall’esperienza di artigiano-archeotecnico del bronzo che porto avanti nei ritagli di tempo, ispirato da studi sulla cosiddetta “archeologia del combattimento” e dalle tecniche forensi applicate nell’archeologia, sono giunto a conclusione che solo studiando i resti umani di quegli uomini vissuti 3000 e più anni fa, avrei potuto ricavare maggiori risposte alle mie domande. Nel presente lavoro ho esaminato i casi più noti in letteratura di reperti scheletrici con visibili segni traumatici, ponendo particolare attenzione ai periodi preistorici. Come paragone per lo studio dei reperti nuragici è stato utilizzato lo scheletro di un presunto soldato medioevale, il quale presentava diversi traumi da combattimento. I resti ossei nuragici consistono in tre crani appartenenti a tre diverse sepolture collettive localizzate in aree della Sardegna tra loro molto distanti. Per questi tre casi si è provveduto a determinare il tipo di trauma osservato, che tipo di arma ha provocato la ferita e lo scenario ipotetico dell’aggressione che ha interessato ciascun individuo. Lo studio di questi casi ha permesso una ricostruzione delle modalità di combattimento più verosimili per tale periodo; queste hanno permesso di dedurre quali ferite e in quali aree del corpo si potrebbero riscontrare più frequentemente i traumi. La riproduzione dei traumi mediante prove d’archeologia sperimentale (test di taglio) hanno permesso di capire quali lesioni potrebbero essere prodotte da alcune specifiche armi dell’età del Bronzo. Come ultima analisi sono stati elencati i principali casi di trapanazioni craniche per poter determinare se tali pratiche siano da mettere in relazione a traumi conseguenti ad episodi violenti o a pratiche etnoiatriche.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

antropologia
archeologia sperimentale
nuragico
tauma
cut-marks
segni traumatici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi