Skip to content

Indagini Archeologiche Strumentali nelle Acque di Marettimo

La prospezione archeologica subacquea

L'innovazione che gettò le basi per la grande storia dei palombari avvenne nel 1772, quando il francese Freminet progettò e realizzò una "macchina idrostatica" costituita da una tuta in cuoio resistente alla pressione e uno scafandro collegato a un serbatoio subacqueo dal quale giungeva l' mezzo di un tubo, ma fu solo agli sgoccioli del XIX secolo che si ebbe il aria per loro vero e proprio ingresso in scena, con il perfezionamento di quest'invenzione ad opera del tedesco Kleingert, che collegò lo scafandro direttamente alla superficie. Fu così che ebbe inizio l'attività di recupero dei primi reperti archeologici come i relitti di Anticitera (Grecia 1900-01) e di Mahdia (Tunisia 1908-13), e le sensazionali scoperte dell'Efebo di Maratona nel 1925, del Poseidon e del Fanciullo fantino dell'Artemisio nel 1928.L'ingresso in scena dell'autorespiratore subacqueo, sperimentato nel 1943 da Jacquesb Yves Cousteau ed Emile Gagnan, offrì all'archeologia uno strumento adatto alle sue necessità e la contemporanea e larghissima diffusione dell'immersione subacquea, con i sensazionali risultati raggiunti in breve tempo, fecero crollare l'iniziale disinteresse che si ebbe nei confronti di questo nuovo campo di ricerca88.A rendere indispensabile l'intervento diretto dell'archeologo nei cantieri sommersi fu Antonino Lamboglia, considerato il padre dell'archeologia subacquea italiana ed europea, che nel 1950 diresse lo scavo sul relitto di Albenga – nave oneraria romana del I secolo a.C. tra le più famose in Italia – ilprimo a essere fondato puramente su criteri archeologici terrestri, svolto con la collaborazione dei famosi palombari dell'Artiglio, nave della società genovese a SO.RI.MA. A lui si deve anche il primo impiego del metodo della quadrettatura e dello scavo stratigrafico con l'utilizzo della sorbona in ambito subacqueo,rispettivamente nel 1958 sul relitto tardo-repubblicano di Spargi in Sardegna settentrionale, e nel 1959 a Baia. Il primo a coniare il termine "Archeologia Subacquea" fu George F. Bass che, nel 1952, si distaccò nettamente dalla definizione di "Archeologia sottomarina", troppo esclusiva, in quanto limitata alle ricerche in acque salate, escludendo quelle dolci di fiumi e laghi dove, invece, vengono celate numerose espressioni di culture antiche, talvolta straordinarie al punto delle Navi di Nemi, recuperate nel 1932 tramite il prosciugamento dell'omonimo lago dall'Ing. Guido Uccelli,grazie soprattutto alla spinta del regime fascista. Su queste stesse navi nel 1535 il bolognese Francesco De Marchi e nel 1827 Fusconi, con l'ausilio di una campana, tentarono, con scarsi risultati, un'indagine "batiscopica". Solo Eliseo Borghi nel 1895, riuscì per primo a recuperare alcuni componenti dei relitti che, senza leggi di tutela, confluirono nel mercato antiquario. Durante il Primo Congresso di Archeologia Sottomarina, tenutosi nel 1955 a Cannes, avvenne il riconoscimento dell'autonomia di questo campo, ottenuto grazie all'utilizzo di tecniche particolari sviluppatesi indipendentemente dagli ambienti archeologici ufficiali che l'hanno reso un ramo nuovo e autonomo dell'archeologia. A George F. Bass dobbiamo due importanti scavi per la storia dell'archeologia subacquea che hanno avuto luogo entrambi in Turchia, quello eseguito nel 1960 dai ricercatori dell'Università di Pennsylvania sul relitto di Capo Chelidonia delXIII secolo a.C., e quello svolto tra il 1961 e il 1964 sul relitto di Yassi Ada,durante il quale fu utilizzata per la prima volta la tecnica della fotogrammetria.93La continua crescita dell'interesse mondiale legato alla ricerca, il rapido sviluppo delle tecniche d'immersione e la conseguente individuazione di numerosi relitti, ha fatto si che nascessero diversi istituti e fondazioni con il compito di sviluppare e perfezionare le tecniche d'indagine, recupero e conservazione dei reperti giacenti in ambienti subacquei. Il lungo cammino verso questa nuova archeologia, i cui dettami sono sanciti nella convenzione UNESCO, ha portato allo sviluppo di nuove tecnologie, che oggi ci consentono di acquisire le conoscenze necessarie alla gestione delle risorse culturali sommerse, secondo il principio che tende a non prelevare nulla dai fondali, lasciando in tal modo i contesti archeologici integri.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Indagini Archeologiche Strumentali nelle Acque di Marettimo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Antonino Venza
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Conservazione dei Beni Culturali
  Corso: Tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali
  Relatore: Sebastiano Tusa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 139

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

archeologia
rov
subacquea
sss
ancore
marettimo
teoria butleriana
odissea del baglio
pipa
relitto del clizia
scalo maestro

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi