Skip to content

Misure di Contenimento degli organismi invasivi. Il caso della Cimice Marmorizzata Asiatica

Prospettive per una lotta biologica

L'utilizzo massiccio di agrofarmaci in America ha provocato un impoverimento ambientale, con conseguenze nefaste sugli insetti impollinatori e gli antagonisti naturali. Il problema consiste nelle quantità applicate e la frequenza per far fronte alla continua mobilità degli adulti. Ma nonostante le quantità applicate non è stato risolutivo, al massimo contenitivo (Maistrello, 2016). L'impiego massiccio anche in Europa ha provocato la rottura di equilibri creati in programmi di lotta integrata (IPM) mirati a controllare altre specie dannose alle Pomacee e provocando un aumento di questi altri fitofagi (http://www.cabi.org/isc/datasheet/27377).

La mobilità di questa specie, come visto prima fa sì per un controllo chimico siano necessari un gran numero di interventi, che possono dimostrarsi inutili se non applicati al momento giusto (svernamento), oltre a complicazioni di carattere ecologico, intimamente legate ad altri equilibri che potrebbero provocare nuove infestazioni con altri insetti che prima erano fitofagi secondari. Un semplice esempio di simili meccanismi consiste in un trattamento che uccide il fitofago ma anche i nemici naturali dello stesso o di altri fitofagi, che in poco tempo diventeranno Key pest.

La stragrande maggioranza dei parassitoidi di BMSB appartiene alla famiglia degli Scelionidae della super famiglia Proctotrupoidea. Salvo qualche eccezione come per Anastatus bifasciatus (Haye et al 2015) che rientra nella famiglia Eupelmidae.
Gli Scelionidi sono riconoscibili solo ad un analisi attenta che rileva alcune caratteristiche basilari: antenne geniculate composte da 11-12 articoli, raramente 7-10, con clava sovente distinta e costituita da anche oltre 3 articoli. Le ali anteriori presentano la cellula costale e le vene submarginale, marginale e stigmatica; talvolta anche la post-marginale (Viggiani, 1994).

Gli studi più approfonditi sui parassitoidi di H.halys sono stati fatti negli Stati Uniti.
Un parassitoide, depone le sue uova all'interno dell'ospite, nutrendosene e uccidendolo al momento dello sfarfallamento. Parassitizza un solo individuo per il suo ciclo e l'effetto sulla dinamica delle popolazioni ospiti somiglia più a quello dei predatori che dei parassiti. Gli ooparassitoidi fanno lo stesso ma sono specializzati sulle uove degli insetti ospiti (Viggiani, 1994).

Esperimenti condotti in Usa per la ricerca di ooparassitoidi autoctoni hanno rilevato che Trissolcus japonicus e T. cultratus sono due delle specie capaci di completare il loro ciclo in uova di Cimice Asiatica. Le ovature sentinella utilizzate per l'esperimento erano suddivise in fresche, precedentemente congelate a -80°C e poste in gabbiette. Nel primo caso la condizione era simile a quella naturale, nel secondo il congelamento era servito ad inibire l'embriogenesi e di conseguenza qualsiasi risposta immunitaria, il terzo consisteva di una semplificazione ideale. Le ovature sentinella sono state inserite in differenti habitat. Il grado di parassitizzazione dei predatori autoctoni è risultato molto basso al punto da far convergere tutte le speranze su T. japonicus, molto più attivo anche del T.cultratus.

L'esperimento ha avuto luogo in 3 habitat diversi: frutteti, campi di soia e foresta. ( Herlihy, 2016). In accordo con altri precedenti esperimenti di Tim Haye et al (2015) del CABI in Svizzera, le uova precedentemente congelate presentavano una percentuale di parassitizzazione di 10-20% più alto. L'esperimento ha poi permesso di scoprire che la maggior parte delle parassitizzazioni dei campioni, inseriti in foresta, erano da attribuire a T. japonicus, con nessuna differenza significativa tra quelle a carico delle uova precedentemente congelate e le fresche. La scoperta è notevole perchè prima di questa rilevazione, esemplari di T.japonicus erano stati importati dall' Asia, ma isolati nelle quarantene per le ricerche preventive ad un introduzione, non si sapeva che fosse già presente in loco, probabilmente fosse arrivato mediante le stesse pathways della cimice e che si fosse acclimatato. Oltre ad presentare un altissimo grado di parassitizzazione, gli studi negli Usa hanno evidenziato una resistenza al freddo fino a -21,8°C rendendolo adattabile ai climi invernali del Minnesota (Santacruz, 2014).

Come si legge dal blog americano https://blogs.cornell.edu/jentsch/, l' iniziale scoperta ha preoccupato i ricercatori per un pericolo rappresentato da un invasione di T. japonicus. Il motivo per cui un candidato antagonista deve venir studiato anche per anni prima di un eventuale introduzione nell'ambiente riguarda i rischi derivati dal suo suo range di ospiti, dalla competitività e la possibilità che si sostituisca a altri analoghi locali andando a costituire di per sé un altro invasivo.
La parassitizzazione avviene mediante ovopositore, nascosto nel gastro, non fronteggiando l'uovo.
Le uova della BMSB, a forma di barilotto, come è tipico della famiglia, vengono parassitizzate con uova peduncolate all'interno, da cui schiuderanno larve di I età teleamorfe e imenotteriforme dalla II età in poi.

Dopo 1 settimana circa le uova della cimice si colorano di scuro, quindi più facili da distinguere. Per finire con lo sfarfallamento dell' adulto (Figg.11,12) (Video Chris Hedstrom, Youtube; Viggiani, 1994)
A Manta (CN), altri esperimenti condotti nel parco naturale hanno rilevato il secondo importante parassitoide. Infatti per le 154 ovature sentinella utilizzate, 54 presentavano parassitizzazione fino al 20%. Le piante test erano Acer campestris, ed il parassitoide identificato Anastatus bifasciatus (Geoffroy) (Fig.13) (Pansa, Tavella, 2015).

Come già detto appartiene alla famiglia degli Eupelmidae, (Chalcidoidea), riconoscibile per zampe saltatorie al mesotorace, ali prive di cellule con vena marginale lunga (Viggiani, 1994). A carico di H.halys vi è anche un buon numero di predatori naturali e le liste si aggiornano continuamente, ma più che identificarli singolarmente per un biocontrollo si può parlare di specie che fanno parte dell'ecosistema stesso ( Viggiani, 1994).
[…]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Misure di Contenimento degli organismi invasivi. Il caso della Cimice Marmorizzata Asiatica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valentino Matteo Attanasi
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Agraria
  Corso: Scienze e Tecnologie Agrarie
  Relatore: Stefania Laudonia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 25

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

biocontrollo
lotta biologica
halyomorpha halys
cimice asiatica
invasioni cimici
trappole insetti
eppo
bmsb
ecoresistenza
invasivi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi