Skip to content

Psicofisiologia delle abitudini nelle attività motorie

Effetti del Mindset

È stato ripetuto più volte come idee diverse portano a comportamenti diversi, che producono, infine, risultati diversi.

Un altro esempio proposto dal Dr. Mazzucchelli per comprendere meglio gli effetti del mindset è di provare ad immaginare di recarsi ad un ristorante che un amico ha mal recensito. Egli ha detto che si mangia male, le posate sono sporche, i camerieri maleducati, (…). Siamo comunque costretti ad entrare in quel locale, e memore delle parole di quell'amico, non saremo affatto rilassati, saremo sull'attenti in attesa di trovare riscontro di quanto ci è stato riferito. Il proprietario e i camerieri, d'altra parte, osservando il nostro comportamento diffidente e scostante, proveranno disagio e non saranno particolarmente cordiali e affabili nei nostri confronti. In sostanza le persone che lavorano in quel ristorante, indotte dal nostro atteggiamento, si comporteranno in modo da rinforzare le nostre idee preconcette su di loro. Viceversa, poniamo il caso che il nostro amico abbia fatto commenti positivi su quel locale, un posto strepitoso, cinque stelle su cinque. Non solo, il nostro amico conosce bene il proprietario e potrebbe trattarci anche meglio! Va da sé che ci andremo rilassati, sorridenti, parleremo volentieri con il proprietario e con i camerieri, i quali vedendoci così affabili e ben disposti, avranno a loro volta maniere gentili. Anche in questo caso usciremo dal locale rinforzati nell'idea che avevamo prima di entrare (Mazzucchelli, 2019). 

In entrambi i casi, si è verificato il cosiddetto “effetto specchio”, derivante dalla “proiezione psicologica” quale meccanismo di difesa primitivo che consiste nello spostare sentimenti e caratteristiche propri su altri oggetti o persone (Freud; Nuove osservazioni sulle neuropsicosi da difesa, 1896; Jung; Tipi psicologici, 1949). L'effetto specchio è quel processo per cui capita di trovare conferma di un preconcetto nell'ambiente in cui siamo. Il fatto è che un piccolo cambiamento nel mindset, nel modo di pensare, andrà a produrre un cambiamento analogo anche nelle scelte quotidiane. Questo, ovviamente, non è sconvolgente sul breve termine, ma i nostri pensieri diventano fatti, e, ignorare l'enorme potere che esercitano sull'andamento della nostra vita potrebbe costarci molto caro (Mazzucchelli, 2019). 
È solito pensare al cambiamento come una sorta di rivoluzione copernicana della nostra vita: una sorta di tutto (e subito) o niente (Mazzucchelli, 2019). “Da domani mi alzo e mi metto in forma: dieta ferrea! Niente pasta, pane, carboidrati, bevande gassate, alcolici, (…); e poi a correre tutti i giorni per due ore”. Premesso che con un programma simile è più probabile finire lunghi e distesi al suolo piuttosto che tornare in forma, il punto è che, se non si è mai fatta attività fisica e se non si è mai seguita una dieta, il cambiamento che vogliamo autoimporci è talmente drastico da risultare praticamente inattuabile. Questo per una ragione molto semplice: come tutti gli organismi viventi, anche noi siamo regolati dall'equilibrio omeostatico, che è la tendenza naturale al raggiungimento di una relativa stabilità, sia delle proprietà chimico-fisiche interne sia di quelle comportamentali. Fare nuove cose, imparare un nuovo esercizio, imparare una nuova lezione, (…) richiede la formazione di nuove sinapsi e, il glucosio essendo il carburante del cervello, sarà usato in maniera nettamente superiore per creare le stesse sinapsi, rispetto alla quantità usata per rievocare un comportamento o azione già acquisito e quindi reso abitudinario. Questo spiega anche il perché fare un'azione apparentemente semplice come studiare, può renderci esausti: creare nuovi concetti, imparare nuove cose, farà sì che nella nostra mente si uniscano alcuni punti. Per unire alcuni punti e per capirci qualcosa, c'è bisogno di energia, ovvero il glucosio; e tanto più si studia e si impara cose diverse, tanto più glucosio deve essere usato. Se si tratta di un compito motorio, il glucosio sarà utilizzato sia a livello cerebrale che a livello muscolare, pertanto dalla prima lezione di arti marziali potremmo uscirne spossati!  [...]

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Psicofisiologia delle abitudini nelle attività motorie

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Antonelli
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2019-20
  Università: Università Telematica San Raffaele Roma
  Facoltà: Scienze Motorie
  Corso: Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattative
  Relatore: Alberto Cei
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 85

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

routine
abitudini
glucosio
habits
forza di volontà
automaticità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi