Skip to content

Marketing e diversità: il consumatore anziano, omosessuale e multietnico. Dimensioni del fenomeno e opportunità per le imprese e la pubblicità

Il marketing senior

Ora che abbiamo definito le dimensioni dell'età e il concetto di generazione, ma soprattutto i loro effetti sui consumi dei singoli individui, possiamo affrontare il marketing senior nello specifico. Partiamo anzitutto dal significato della parola "senior". Nella sua origine latina il termine "senior" indicava l'entrata dell'individuo in una fase di maturità, il suo far parte a pieno titolo del mondo degli adulti. Oggi, nell'universo imprenditoriale, il termine indica, accostato ad altre qualifiche, la maggiore esperienza della persona in quel determinato campo, abbiamo quindi, ad esempio, un Junior e un Senior Account, che si differenziano per gli anni di lavoro accumulati. La scelta di utilizzare questo termine per riferirci al marketing rivolto al segmento, piuttosto che le parole "anziano" o "vecchio", ha principalmente una derivazione psicologica: definire un individuo "vecchio" significa relegarlo in quella categoria di persone inattive e prossime alla morte spesso percepite come un peso per la società, al contrario il termine senior non porta con sé alcun significato negativo ed ha un'accezione neutra. Nel corso dell'elaborato i termini anziano e senior saranno utilizzati come sinonimi poiché, anche se siamo consci del fatto che la parola "anziano" è più vicina semanticamente alla parola "vecchio", non porta con sé la medesima accezione negativa.

La nozione di anzianità è fortemente soggettiva poiché è difficile riuscire a definire una precisa età cronologica dopo la quale l'individuo può essere considerato senior. Tréguer e Segati, in riferimento al caso francese, definiscono con questo termine la parte di popolazione con più di 50 anni, che può essere poi ulteriormente suddivisa in quattro categorie: master (persone tra i 50 e i 59 anni), liberati (persone tra i 60 e i 74 anni), placidi (persone tra i 75 e i 84 anni) e grandi vecchi (persone di 85 anni e oltre). Data la lunghezza dell'arco temporale compreso (tra i 24 e i 35 anni minimo) si rende necessario suddividere il segmento in ulteriori sottosegmenti, poiché è ovvio che una persona di 50 anni non ha le stesse aspettative e le stesse necessità di una di 85.
Al contrario, Smith e Clurman, basandosi sui dati del sondaggio "Yankelovich MONITOR", raggruppano i consumatori americani, ma possiamo allargare il raggruppamento a tutto l'occidente sviluppato a causa della importanza globale degli indicatori generazionali presi a riferimento, in tre gruppi: i Maturi (nati fra il 1909 e il 1945), i Boomer (nati fra il 1946 e il 1964) e la Generazione X (nati fra il 1965 e il 1980). Come vediamo è difficile fornire un' età precisa da prendere a riferimento, a grandi linee possiamo però affermare, seguendo quanto dice Casarin, che l'età di inizio vecchiaia, pur essendo posta in uno spettro molto ampio, nella maggior parte delle ricerche sull'argomento varia da 50 a 75 anni.

Nell'immaginario collettivo l'età di pensionamento (fissata in Italia a 65 anni per gli uomini e 60 per le donne) rappresenta il momento in cui l'individuo passa allo stato di anziano, per il marketing però il criterio guida per riuscire a definire i comportamenti d'acquisto e consumo dell'anziano dovrebbe essere la sua capacità di influenzare in prima persona il processo di acquisto e di consumo. Può allora essere utile valutare i cambiamenti che avvengono nello stile di vita delle persone alla soglia dell'anzianità, cambiamenti che avvengono intorno ai 50-55 anni. In accordo con quanto dichiara Casarin possiamo quindi affermare che la fascia di età compresa tra i 55 e i 75 anni risulta consona agli studi di marketing senior poiché comprende soggetti ancora potenzialmente attivi, dotati di valori interessanti di reddito disponibile, ed esclude la quarta età, ossia quella parte di popolazione che incomincia ad accusare problemi di salute legati all'anzianità.
È importante riuscire a fissare una età cronologica da prendere a punto di riferimento al fine di rendere possibile un'analisi coerente con le fasce demografiche dei dati censuari e in genere con le ricerche sui consumi.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

Marketing e diversità: il consumatore anziano, omosessuale e multietnico. Dimensioni del fenomeno e opportunità per le imprese e la pubblicità

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Tiziano Tamburini
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Pubblicità e comunicazione d'impresa
  Relatore: Federico Unnia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 175

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi