Skip to content

EUROBOND: la condivisione dei debiti sovrani europei come possibile soluzione al problema strutturale del debito pubblico italiano? Le recenti proposte della BCE

Politica di regolamentazione delle SBBS

Per rompere il diabolic loop tra rischio sovrano e rischio bancario i responsabili politici hanno migliorato la capacità di tenuta delle banche (attraverso requisiti patrimoniali più rigorosi) e dei Paesi (attraverso il miglioramento del bilancio fiscale e l’accesso a strutture di prestito di emergenza), ma in modo isolato.
Seppur tali misure hanno indebolito il ciclo diabolico, non sono assolutamente sufficienti per ridurre le esposizioni delle banche verso il loro Paese.
Un’importante lacuna risiede nel “trattamento regolamentare delle esposizioni sovrane” (RTSE) che, allo stato attuale, potrebbe potenzialmente esacerbare gli aspetti negativi del diabolic loop, in quanto prevede per le esposizioni sovrane delle banche un trattamento più favorevole rispetto ad altre classi di attività.
Il “quadro ponderato per il rischio”, nel definire i requisiti patrimoniali delle banche per le esposizioni sovrane, stabilisce che vi possa essere una discrezionalità nazionale per applicare un fattore di ponderazione del rischio preferenziale per le esposizioni sovrane denominate e finanziate in valuta nazionale. In pratica, tutti i membri del Comitato attualmente esercitano questa discrezione e fissano un fattore di ponderazione del rischio dello 0%. Inoltre, le esposizioni sovrane sono attualmente escluse nel “quadro delle grandi esposizioni”. Infine, per quanto riguarda il “quadro di mitigazione del rischio di credito” (contenente i requisiti di liquidità), nessun limite o haircut viene applicato alle esposizioni sovrane nazionali che sono qualificate come “attività liquide di elevata qualità” (HQLA).

Al contrario, le esposizioni sovrane sono incluse nel quadro del coefficiente di leva finanziaria.
Dunque, l’attuale RTSE incentiva il debito domestico nei portafogli obbligazionari delle banche dell’area euro (che si caricano di rischio sovrano in modo socialmente inefficiente). Da un lato, per rispettare i requisiti di liquidità, le banche devono detenere titoli privi di rischio per soddisfare le loro esigenze di finanziamento in diversi scenari, in particolare quelli avversi. Dall’altro, i requisiti patrimoniali non inducono le banche ad aumentare il proprio capitale a fronte delle loro esposizioni sovrane, in quanto applicano un fattore di ponderazione per il rischio pari a zero.
Il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria riconosce che le esposizioni sovrane comportano rischi multidimensionali e che le esposizioni sovrane svolgono un ruolo importante nel sistema bancario, nei mercati finanziari e nell'economia più ampia. Il nesso banca-Stato è poliedrico, potenzialmente può fungere da amplificatore e/o da assorbitore di shock in periodi di stress. Nel 2015 il Comitato ha avviato una revisione dell’RTSE, conclusosi con la pubblicazione di un Paper a dicembre 2017. L’obiettivo di tale riforma è quello di assegnare al rischio di debito sovrano un peso maggiore di zero o di imporre limiti a partecipazioni concentrate. Questa riforma, però, si scontrerebbe con i requisiti di liquidità.
Infatti, poiché le banche possiedono una grande quantità di titoli “non free risk” e poiché nel mercato obbligazionario europeo vi è un’acuta carenza di attività sicure, esse sarebbero costrette a ricapitalizzarsi, aumentando quindi il Common Tier Equity 1 (CET1).
L’introduzione delle SBBS potrebbe risolvere questo problema e interrompere il ciclo diabolico: le banche potrebbero soddisfare i requisiti patrimoniali e di liquidità detenendo un titolo sintetico ponderato per il rischio zero che è supportato dalle obbligazioni sovrane di tutti i paesi dell’area euro. Questa sicurezza sarebbe liquida e sicura e non dovrebbe essere soggetta ad alcun onere in conto capitale. Inoltre, l’aumento dell’offerta di attività sicure (SBBS senior) assicura che le banche possano soddisfare la loro domanda latente di un deposito di valore “liquido” e “sicuro” senza dover fare i conti con la scarsità di attività sicure. Infine, le SBBS rappresenterebbero un titolo altamente liquido che le banche (soprattutto quelle dei Paesi più piccoli) potrebbero acquistare con costi di transazione minimi.

Tuttavia, l’introduzione delle SBBS richiederebbe comunque una riforma della normative europee vigenti, in quanto queste non sono progettate per catturare le proprietà “uniche” delle SBBS. Nell’attuale contesto giuridico le SBBS verrebbero definiti come “prodotti di cartolarizzazione”, e perciò gli investimenti in SBBS potrebbero essere associati ad oneri regolamentari di maggior peso rispetto all’investimento diretto in obbligazioni sovrane dell’Eurozona. Nell’attuale contesto normativo quindi le SBBS riceverebbero un trattamento sfavorevole rispetto alle obbligazioni sovrane, per le quali sono previsti diversi requisiti patrimoniali e di liquidità. Inoltre, i titoli sarebbero trattati in modo sfavorevole anche nel quadro delle regole relative agli “arrangiatori” e agli “emittenti” SBBS e nel quadro delle garanzie per la politica monetaria. Ciò rappresenta un ostacolo significativo alla creazione di SBBS “guidate dalla domanda”, e potrebbe giustificare una regolamentazione dedicata che tratti i titoli in linea con il loro rischio, tenendo conto del rischio più elevato dei titoli subordinati. L’ESRB suggerisce una “proposta di Regolamento” che intende eliminare gli attuali ostacoli regolamentari, concedendo alle SBBS lo stesso trattamento giuridico e normativo delle obbligazioni sovrane nazionali della zona Euro denominate in Euro. Attualmente sono i corso discussioni sull’RTSE, e il loro esito inciderà sull’appello relativo delle SBBS.
Le SBBS sono l’elemento mancante che consentirebbe il completamento della riforma dell’RTSE, con oneri patrimoniali basati sul rischio o sulla concentrazione delle partecipazioni bancarie di un singolo Stato.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

EUROBOND: la condivisione dei debiti sovrani europei come possibile soluzione al problema strutturale del debito pubblico italiano? Le recenti proposte della BCE

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Bellini
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Eliana Angelini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 121

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

crisi finanziaria
debito pubblico
banca centrale europea
bce
spread
eurobond
sovereign bond-backed securities
sbbs
diabolic loop
flight to safety

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi