Skip to content

Autoriciclaggio e art. 25-octies D.lgs. 231/2001: come varia il principio di legalità

Informazioni tesi

  Autore: Alessandra Tramontelli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2019-20
  Università: Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Francesco Mucciarelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 160

L’intento del presente lavoro è quello di approfondire ed analizzare una delle più recenti e controverse fattispecie di delitto, sia per quanto attiene la responsabilità della persona fisica, sia per quel che concerne la persona giuridica. Per l’esattezza ci riferiamo al delitto di autoriciclaggio previsto dall’art. 648-ter.1 del codice penale e specularmente dall’art. 25-octies del D.lgs. 231/2001, il quale si perfeziona quando l’agente di un precedente delitto re-immette nel circuito economico legale i proventi derivanti dal primo.
Preliminarmente, i quesiti a cui si è cercato di dare una risposta attraverso questo lavoro hanno riguardato l’iter legislativo portato avanti per consentirne l’ingresso nel nostro ordinamento. I problemi emersi dipendevano in primo luogo dalla clausola di esclusione della punibilità prevista dal riciclaggio. Infatti, secondo tale clausola, l’autore di un reato idoneo a generare dei proventi, poi re-impiegandoli in un secondo momento, non poteva essere punibile sulla base del c.d. principio del post factum non punibile. Questo successivo re-impiego di danaro veniva infatti visto come una mera conseguenza logica della condotta a monte, e pertanto priva di qualunque disvalore penale. Ulteriore elemento di discussione è anche il diverso trattamento sanzionatorio tra le fattispecie di riciclaggio e quella di autoriciclaggio; quest’ultima infatti soggiace ad un più favorevole trattamento, sebbene si caratterizzi per essere un delitto pluri-offensivo in grado di causare danni all’intero assetto economico-sociale.
Il tema principale che però questa trattazione affronta, ed al quale si affianca una personale riflessione, è la responsabilità amministrativa dell’Ente a seguito di autoriciclaggio. In modo particolare, il fulcro del dibattito si concentra sul dubbio per cui le società debbano prevenire solo l’illecito previsto dall’articolo 25-octies, ovvero anche il delitto a monte. A seguire quindi, come rapportarsi in relazione a quei reati base non previsti nel catalogo dei reati presupposti alla responsabilità del soggetto collettivo, nel rispetto del principio di legalità e tassatività ex articolo 2 del Decreto. Parte della Dottrina e della Giurisprudenza, ha infatti negato categoricamente la possibilità di considerare perfezionato il delitto di autoriciclaggio laddove il suo presupposto sia estraneo al catalogo. Le ragioni di tale diniego poggiano sull’assunto che ciò comporterebbe sia la violazione del principio di legalità, sia il rischio di rendere il Modello di organizzazione uno strumento fallace ad adempiere alle sue funzioni di prevenzione. L’Ente infatti per evitare la realizzazione dell’illecito ai sensi dell’art. 25-octies, deve prevenire la consumazione del suo presupposto. Si passa poi ad esaminare un altro orientamento dottrinale e giurisprudenziale che invece ammette la punibilità dell’autoriciclaggio indipendentemente dal suo delitto base. Questo perché l’attenzione viene catalizzata su quella che è la funzione propria dell’autoriciclaggio, ossia controllare i flussi finanziari all’interno della società ed evitare che possa essere messa nella condizione di fare “nero”. Il tutto, indipendentemente dall’individuazione dell’origine dei proventi. Dunque, il Modello deve introdurre delle misure efficaci ed efficienti per il controllo esclusivo di questi flussi di danaro.
Per avvalorare questa teoria, che come avrò modo di dire nel corso della trattazione trova il mio supporto, si ricorre anche ad una comparazione con le fattispecie di riciclaggio ed associazione per delinquere, già previste nel Decreto 231 da svariati anni e caratterizzate anche queste dalla necessaria consumazione di un reato a monte. Tuttavia, per queste ultime non si sono posti gli stessi limiti, circa la natura di questo reato, i quali invece hanno investito l’autoriciclaggio. Ed onde evitare una crisi sistemica, si ritiene doveroso prevedere un ugual trattamento tra queste fattispecie affini.

Informazioni tesi

  Autore: Alessandra Tramontelli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2019-20
  Università: Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Francesco Mucciarelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 160

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
90 2.8 Clausola di esclusione della punibilità. Vale anche per l’Ente? Rapporti con gli articoli 5 e 8 del D.lgs. 231/2001 A prevedere altre difficoltà interpretative ed applicative, il quarto comma dell’articolo 648-ter.1 che disciplina una causa di esclusione della punibilità, la quale recita che: “fuori dei casi di cui ai commi precedenti, non sono punibili le condotte per cui il denaro, i beni o le altre utilità vengono destinate alla mera utilizzazione o al godimento personale”. Anzitutto, a destare perplessità è stato l’inciso “fuori dei casi”, ossia il significato che la locuzione avesse e per la quale due sono state le linee di pensiero: la prima, quella per cui il legislatore abbia sbagliato a scrivere la norma, dovendo invece ricorrere alla formula “nei casi”. La seconda, e maggioritaria, invece ha ritenuto che la formula fosse un’inutile ripetizione di un concetto che già logicamente funzionava. Tramite tale comma, il legislatore

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

riciclaggio
punibilità
autoriciclaggio
articolo 25-octies

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi