Skip to content

La tutela penale dei dati biometrici nella disciplina in materia di privacy

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: La tutela penale dei dati biometrici nella disciplina in materia di privacy, Pagina 4
9 
in relazione alla tutela dei diritti e delle libertà fondamentali degli individui. Si tratta di 
dati di carattere speciale in quanto riguardano le caratteristiche comportamentali e 
fisiologiche di un individuo e sono tali da consentirne l’identificazione univoca”
7
. 
L’Irish Council for Bioethics invece, in modo volutamente provocatorio, ha 
intitolato il suo documento sulle applicazioni biometriche del 2009, “Biometrics: 
Enhancing Security or Invading Privacy? Opinion”, evidenziando che “when 
implemented appropriately and managed correctly, biometric technologies can both 
improve security and enhance privacy. However, this positive view of biometrics is 
tempered by the knowledge that these technologies could have significant implications 
for an individual’s privacy. Conseguently, the Council places paramount importance on 
respecting and protecting an individual’s autonomy as well as his/her personal and 
informational privacy with regard to the collection, use and storage of his/her biometric 
and other personal information”
8
. Ci si interroga, quindi, e qui risuonano le parole di 
Benjamin Franklin, sull’opportunità che la riservatezza sia sacrificata in nome della 
sicurezza, e in quale misura. 
 Il pericolo più serio è che il sistema biometrico tecnologico rischi di “polarizzarsi 
sul corpo umano”, fino a far perdere valore al suo patrimonio genetico
9
. Proprio per 
questo motivo l’Autorità Garante per la privacy ha indicato alcune misure che devono 
essere adottate in caso di “uso del corpo”
10
.  
 
7
Il Gruppo di Lavoro per la protezione degli individui per quanto riguarda il trattamento dei dati personali, 
Documento di lavoro sulla biometria, 1° agosto 2003, p.2 
8
 The Irish Council for Bioethics, Biometrics: Enhancing Security or Invading Privacy? Opinion, Dublin, 
2009, pp.6-7, in http://www.bioethics.ie 
9
 RACITI, Sistemi biometrici e tutela della privacy, in AMATO – CRISTOFORI – ID, Biometria. I codici 
a barre del corpo, Giappichelli, Torino, p.59 e ss.  
10
 In base al “Decalogo su corpo e privacy” del 9 maggio 2006, i dieci punti risultano essere: “Affidabilità 
del sistema di rilevazione dei dati corporei, indicando il livello della sua accuratezza. La rigorosità dei 
controlli (preventivi e indubitabili negli esiti), deve tener conto anche di valutazioni di comitati tecnici 
indipendenti. Informativa chiara, lasciando comunque la libertà di aderire o meno al sistema, salvo 
stringenti ragioni, indicando nella stessa informativa espressamente le tecniche alternative all’utilizzo dei 
dati corporei. Liceità verificabile indubitabilmente sotto i profili di necessità, proporzionalità, finalità, 
correttezza, adeguatezza e qualità dei dati, previa acclarata dimostrazione dell’inefficacia di pratiche 
alternative che abbiano meno rischi di profilabili abusi. In particolare, qualora l’uso dei dati corporei sia 
permesso, deve essere comunque il più possibile circoscritto (ad esempio impronta di un dito invece di più 
dita). Deroga motivata con uso controllato in speciali casistiche e non uso generalizzato o incontrollato o 
indifferenziato. Tale deroga motivata va periodicamente riesaminata, valutando la persistente sussistenza 
dei fattori che l’hanno determinata, anche alla luce del progresso scientifico. Delimitata memorizzazione 
su circoscritti supporti correlati sempre disponibili per l’interessato e non centralizzazione sotto qualsiasi 
forma ed in particolare divieto assoluto di archivi centralizzati, anche se con dati cifrati. In particolare, 
occorre attivare una funzione permanente di ricerca di soluzioni che evitino accumulazioni o unificazioni 
di dati. Temporanea conservazione in ordine cronologico per il necessario periodo limitato (e, come nel

Preview dalla tesi:

La tutela penale dei dati biometrici nella disciplina in materia di privacy

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Cezar Stefan Cazan
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Riccardo Borsari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 170

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

privacy
biometria
dati biometrici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi