Skip to content

Disturbo Delirante


A. La presenza di uno (o più) deliri con una durata di 1 mese o più.

B. Il criterio A per la schizofrenia non è mai stato raggiunto.
Nota: Allucinazioni, se presente, non sono prominenti e sono legati al tema delirante (ad esempio: la sensazione di essere infestato da insetti associati a deliri di infestazione).

C. Oltre all'impatto del delirio (i) o le sue ramificazioni, il funzionamento non è marcatamente compromesso, e il comportamento non è ovviamente bizzarro o strano.

D. Se si sono verificati episodi depressivi maggiori o maniacali, questi sono stati brevi relativamente alla durata dei periodi deliranti.

E. Il disturbo non è attribuibile agli effetti fisiologici di una sostanza o di un altro stato medico e non è meglio spiegato da un altro disturbo mentale, come disturbo dismorfico corporeo e del disturbo ossessivo- compulsivo.

Specificare se:
• Tipo erotomanico: Questo sottotipo si applica quando il tema centrale del delirio è che un'altra persona è innamorata dell'individuo.
• Tipo grandioso: Questo sottotipo si applica quando il tema centrale del delirio è la convinzione di avere qualche grande (ma non riconosciuto) talento o conoscenza o di aver fatto qualche scoperta importante.
• Tipo gelosia: Questo sottotipo si applica quando il tema centrale del delirio dell'individuo è che il suo coniuge o amante è infedele.
• Tipo persecutorio: Questo sottotipo si applica quando il tema centrale del delirio riguarda la convinzione della persona che lui o lei abbia una congiura contro, sia ingannato, spiato, seguito, avvelenato o drogato, maliziosamente calunniato, molestato, o ostacolato nel perseguimento di lungo - obiettivi a lungo termine.
• Tipo somatico: Questo sottotipo si applica quando il tema centrale del delirio riguarda le funzioni corporee o sensazioni.
• Tipo misto: Questo sottotipo si applica quando nessun tema delirante è predominante.
• Tipo non specificato: Questo sottotipo si applica quando la convinzione delirante dominante non può essere chiaramente determinata o non è descritto nei tipi specifici (ad esempio: deliri referenziali senza un componente persecutorio o grandioso prominente).

Specificare se:
→ Con contenuti bizzarri: deliri sono ritenuti bizzarri se risultano chiaramente non plausibili, non comprensibili, e non derivati da esperienze di vita ordinaria (ad esempio: la credenza di un individuo che uno sconosciuto ha rimosso i suoi organi interni e li ha sostituiti con qualcun altro organi senza lasciare alcuna ferite o cicatrici).

Specificare se:
Le seguenti specificazioni sono da utilizzare solo dopo una durata di 1 anno di disturbo:
• Primo episodio, attualmente in fase acuta: Prima manifestazione del disturbo incontra i criteri dei sintomo e il criterio temporale. Un episodio acuto è un periodo di tempo in cui sono soddisfatti i i criteri dei sintomi.
• Primo episodio, attualmente in remissione parziale: remissione parziale è un periodo di tempo durante il quale un miglioramento dopo un precedente episodio viene mantenuto e in cui i criteri di definizione del disturbo sono solo parzialmente soddisfatte.
• Primo episodio, attualmente in remissione completa: remissione completa è un periodo di tempo dopo un precedente episodio in cui nessun sintomo specifico disturbo sono presenti.
• Episodi multiple, attualmente in fase acuta
• Episodi multipli, attualmente in remissione parziale
• Episodi multipli, attualmente in remissione completa

• Continuo: i sintomi che soddisfano i criteri diagnostici dei sintomi del disturbo sono rimasti per la maggior parte del tempo nel corso di malattia, con periodi di sintomi sottosoglia molto brevi rispetto al corso generale.
• Imprecisato

Specificare gravità attuale:
La gravità è valutata da una valutazione quantitativa dei sintomi principali della psicosi, tra cui deliri, allucinazioni, eloquio disorganizzato, comportamento anormale psicomotorio, e sintomi negativi. Ciascuno di questi sintomi può essere valutato per la sua severità corrente (più grave negli ultimi 7 giorni) su una scala a 5 punti che va da 0 (non presente) a 4 (presente e grave).

Nota: La diagnosi di disturbo delirante può essere fatta senza l'utilizzo di questa severità identificatrice.
La differenza col DSM-IV è che nel V sono richiesti i deliri, non solo bizzarri come richiesto nel IV. Possono essere presenti allucinazioni tattili o uditive che devono essere correlati ai deliri.
Importante specificare il tipo di delirio (gelosia: è relativo al fatto che l’individuo è geloso e teme di essere tradito). In presenza di più deliri spesso non fanno parte della stessa categoria.

Nel disturbo delirante importante caratteristica è l’ insight oggettivo, cioè descrive minuziosamente i suoi deliri. Decorso più positivo rispetto la schizofrenia meno intenso.

Tratto da PSICOPATOLOGIA DIFFERENZIALE di Veronica Rossi
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.