Skip to content

La responsabilità verso i singoli soci o terzi


Promuovibile dal socio o dal terzo in quanto tali che fanno valere un danno al loro patrimonio. Non è più richiesto un danno al patrimonio della società.

Art. 2395
Azione individuale del socio e del terzo

-[1] Le disposizioni dei precedenti articoli non pregiudicano il diritto al risarcimento del danno spettante al singolo socio o al terzo che sono stati direttamente danneggiati da atti colposi o dolosi degli amministratori.
- [2] L'azione può essere esercitata entro cinque anni dal compimento dell'atto che ha pregiudicato il socio o il terzo.
Il caso tipico è dato da una non corretta informazione (es amministratore fornisce false informazioni ad un fornitore o a un socio sullo stato di salute dell’impresa e questi fanno credito o acquistano altre azioni).
Differenza con azione creditori sociali ➔ Qui il PN non viene a mancare per mala gestio, bensì non esiste fin da subito.
Ma si può pensare anche al caso di un socio che conferisce in godimento un bene e gli amministratori violano il loro dovere di manutenzione.
Questa norma prevede espressamente la responsabilità extra-contrattuale. L’art è inutile perché si sarebbe comunque applicato l’art 2043 (danno ingiusto).
IN SEDE FALLIMENTARE
L’azione può continuare ad essere esperita.

Tratto da DIRITTO PRIVATO DELL'ECONOMIA di Christian D'antoni
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

L'età contemporanea

Questi appunti affrontano tutte le fasi del periodo storico che va dalla prima guerra mondiale fino ai giorni nostri, per l'esame di Storia Contemporanea.