Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''PaTpAg'': analisi e proposta di un marchio d'area enogastronomico siciliano

Lo studio proposto come Tesi di Laurea presso l'Università degli studi Milano Bicocca è nato dalla convinzione che la Regione Sicilia possa, attraverso le sue meraviglie naturali e culinari, attuare un processo di sviluppo interessante anche per quanto riguarda le aree più rurali del suo entroterra, ovvero quelle mete che solitamente non sono comprese nei tour "canonici" venduti dai tour operator o agenzie viaggi.
Dall'analisi dello "status turistico" dell'isola si è potuto evincere come quest'isola sia già sviluppata a livello turistico, ma, esso, abbia una caratteristica molto particolare e definita, ovvero la stagionalità.
Il "PaTpAg" è l'acronimo delle sigle delle province di Palermo, Trapani e Agrigento e andrebbe a costituire un Marchio d'Area enogastronomico di queste province atto a sviluppare un turismo finalizzato a far conoscere le aree più rurali di queste province ottimamente amalgamate con siti conosciuti e famosi anche a livello internazionale.
La Tesi si conclude con una proposta di viaggio vendibile in un pacchetto turistico.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Incipit “Without seeing Sicily it's impossible to understand Italy. Sicily is the key to everything.” - Goethe, “ Italienische Reise” (1816/17) - Introduzione Estate 2004, un'estate come tante per molti ma non per me, dopo essermi finalmente diplomato quella era la mia estate e doveva essere tale! Non sapevo però a cosa stavo andando incontro quando con alcuni miei compagni di classe decisi di organizzare una vacanza in una terra lontana dalla Madonnina, una terra che non conoscevo se non per la cronaca nera italiana legata ai fatti sanguinosi di mafia, una terra dal fascino antico, una terra chiamata Sicilia. Un milanese doc, un romantico ventenne che scopre questa terra non ne esce illeso, anzi, se ne innamora o ne esce pazzo. Troppo frenetica la vita al nord, troppe illusioni, troppe falsità, troppe regole- sregolate; nella motrice italiana si sta perdendo, o si è già persa, la bussola che ti permetta di comprendere ed addolcire il senso della propria vita; ormai si vive un tram-tram che non lascia spazio all'”otium” che i poeti latini celebravano e consigliavano nella loro società, l'abnegazione del proprio io sembra aver avuto inizio e nessuno se ne preoccupa, ma in Sicilia questo non accade. Scoprire la Sicilia è quasi un atto dovuto se ti vuoi rilassare in una spiaggia con una sabbia che si è vista solo in agenzia viaggi sui cataloghi che promuovono i Caraibi oppure se vuoi inoltrarti in una terra dove le tradizioni e la cordialità sono le padrone indiscusse della maggior parte dei luoghi. Per me questincotro è stato fatale, dal 2004, in Sicilia, ci sono tornato numerose volte ed ogni mio viaggio corrisponde ad una piacevole scoperta. Sebbene la frenesia settentrionale si possa riscontrare anche qui soprattutto nel periodo estivo, 9 mesi all'anno i sapori, i profumi, i colori e perfino il tempo, si

Laurea liv.I

Facoltà: Sociologia

Autore: Alberto Padovani Contatta »

Composta da 80 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1372 click dal 08/02/2008.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.