Skip to content

Diritto penale commerciale:

Appunti relativi all'esame di Diritto penale commerciale. Si prendono in esame i capisaldi della materia, a partire dalle nozioni di diritto penale, applicate poi all'ambito commerciale. Si possono trovare le definizione dei principali articoli di legge che regolano la normativa relativa, la descrizione delle motivazioni che sono alla base delle leggi, le implicazioni delle norme che regolano i comportamenti in ambito commerciali e le violazioni delle medesime. E' possibile trovare i riferimenti dei reati di falso in bilancio, di aggiotaggio, di bancarotta, di inside trading, ecc.

Indice dei contenuti:

1. Definizione di diritto penale - commerciale 2. A cosa servono le pene: A che risultato portano 3. Limiti del nostro sistema giudiziario penale 4. Definizione di reato 5. Quando ci troviamo di fronte ad un reato 6. Definizione di ergastolo 7. Definizione di arresto, reclusione, multa e ammenda 8. Caratteristiche del Codice Penale 9. Articolo 483 codice penale 10. Articolo 575 codice penale 11. Differenze tra i termini irrogazione e comminazione 12. Esempio di contravvenzione 13. Differenza tra arresto e ammenda 14. Definizione di reato consumato 15. Distinzione tra delitti e contravvenzioni in base al dolo 16. Termini di prescrizione di contravvenzione e delitti 17. La Carta Costituzionale individua due tipi di limiti 18. Principio di legalità 19. Gerarchia delle fonti legislative 20. Definizione di Decreto Legge 21. Definizione di Decreto Legislativo 22. Definizione di Regolamento 23. Fonti del diritto comiunitario 24. Principio di irretroattività 25. Riforme legislative in diritto penale economico 26. Abolitio criminis 27. Successione di leggi penali diverse 28. Principio di materialità del reato 29. Principio di offensività 30. Principio di precisione 31. Esempi di principio di precisione 32. Art. 184 Testo Unico della Finanza 33. Il principio di determinatezza 34. Esempio del principio di determinatezza 35. Principio di tassatività 36. Esempio di principio di tassatività 37. Art. 27 Costituzione, Comma 1: Principio di colpevolezza 38. A cosa serve punire chi commette reato 39. Origini della pena: la vendetta 40. Posizione di Cesare Beccaria: una nuova visione della pena 41. Esperimenti di Stanley Milgram 42. Stanford prison experiment 43. Articolo 27 comma 3 44. Pensiero di Francesco Carrara: Scuola Classica 45. Pensiero di Cesare Lombroso: Scuola Positiva 46. Codice Rocco 47. Pene accessorie: definizione 48. Misura cautelare: definizione 49. Art.27 Costituzione Comma 2 50. Percorso attraverso il quale si svolge un processo penale 51. Fasi del processo penale 52. I giudici competenti per il primo grado e l'appello 53. Rito abbreviato, patteggiamento, processo per direttissima 54. I ricorsi nel processo penale 55. Caratteristiche del reato 56. Fatto umano tipico: definizione 57. Fatto umano antigiuridico: definizione 58. Fatto umano colpevole: definizione 59. Fatto umano punibile: definizione 60. Esempio di reato - delitti contro il patrimonio 61. ART.530 – Sentenza di assoluzione 62. Articolo 533 – Condanna dell’imputato 63. Caratteristiche dei sette possibili esiti assolutori del processo penale 64. Elementi costitutivi del reato: tipicità 65. Distinzione dei reati in base alle caratteristiche del fatto commesso: reati di mera condotta e reati di evento 66. Distinzione dei reati in base ai mezzo: reati a forma libera e a forma vincolata 67. Distinzione dei reati in base al momento consumativo: reati istantanei e permanenti 68. Distinzione generale dei reati : reati di danno e reati di pericolo 69. Definizione di reato di evento ed esempi 70. Articolo 40 codice penale: nesso di causalità 71. Distinzione tra leggi universali e leggi statistiche 72. Reati omissivi: articolo 40 comma 2 del codice penale 73. Contenuto delle posizioni di garanzia: obblighi di protezione 74. Contenuto delle posizioni di garanzia: obblighi di controllo 75. Definizione di antigiuridicità 76. Condizione di colpevolezza 77. Definizione del concetto di imputabilità del soggetto 78. Distinzione dei concetti di dolo, colpa e preterintenzione 79. Definizione di oggetto del dolo 80. Parametri per valutare le forme del dolo 81. Intensità della volizione del dolo 82. Parametri per valutare la colpa 83. Violazione di regole cautelari: colpa generica e colpa specifica 84. Prevedibilità ed evitabilità della colpa 85. Conoscibilità della norma come elemento di sussistenza di colpa 86. Esclusione di cause che eliminino la colpa nel valutare un reato 87. ART.52 Codice Penale – Legittima Difesa 88. ART.384 Codice Penale – Delitti contro l’amministrazione della giustizia: favoreggiamento personale 89. Art.649 Codice Penale – Delitti contro il patrimonio 90. La responsabilità penale ricade sulle persone fisiche 91. Responsabilità amministrativa degli enti ai sensi del decreto legislativo 231/2001 92. Principi ispiratori della responsabilità amministrativa da reato degli enti 93. NuCaratteristiche peculiari della responsabilità amministrativa da reato degli enti 94. Ambito di applicabilità della responsabilità amministrativa da reato degli enti 95. I soggetti della responsabilità amministrativa da reato degli enti 96. Autonomia della responsabilità amministrativa degli enti 97. Requisiti richiesti affinché possa scattare la responsabilità amministrativa degli enti 98. Definizione di interesse nell'ambito della responsabilità amministrativa degli enti 99. Definizione di vantaggio nell'ambito della responsabilità amministrativa degli enti 100. Definizione di esimente ai sensi dell’art.6 101. La responsabilità da reato dell’ente 102. Attuale catalogo dei reati presupposto 103. Definizione di sanzione pecuniaria 104. Definizione di sanzione interdittiva 105. Processo di risk assessment e risk management 106. Modello organizzativo e risk assessment: la disamina offerta Dell’ord. Gip Milano 20/09/2004 107. Risk assessment. La critica del modello adottato successivamente alla commissione dei reati. Le deficienze in evidenza 108. Definizione di reato societario 109. Tutela della veridicità delle informazioni sociali e correttezza della formazione della maggioranza in assemblea 110. Art. 2621 - Comma 1 111. Intervento del legislatore nel 2002: modifica dell’ambito delle false comunicazioni sociali 112. Confronto tra articolo 2621 e 2622 113. Descrizione dell’art.2621 114. Articolo 2621 - Soggetti attivi del reato 115. Articolo 2621 -Condotta punibile: esporre fatti materiali non rispondenti al vero 116. Articolo 2621 - Elemento psicologico soggettivo del reato 117. Articolo 2621 - comma 2 118. Articolo 2621 - comma 4 119. Articolo 2621 - comma 5 120. ART.2622 - Ipotesi delle false comunicazioni sociali in danno della società, dei soci o dei creditori 121. Art. 2622 - Terzo comma 122. Art. 2622 - Comma 9 123. Art.2622 - Comma 4 e 5 124. Specifiche del 1° comma dell’art. 2622 sulla procedibilità a querela della persona offesa 125. Articolo 44 del Codice Penale - giudizio di disvalore penale 126. Storia dell'ART.2623 - Falso in prospetto 127. Inserimento dell'ART.2623 - Falso in prospetto 128. Riforma del 2005 sull'ART.2623 129. Falsità nelle relazioni o nelle comunicazioni delle società di revisione: schema storico 130. Falsità nelle relazioni o nelle comunicazioni delle società di revisione: modifiche della norma 131. Sistema di sanzioni penali previste dal Decreto 39/2010 132. ART. 27 - falsità delle comunicazioni e delle relazioni dei responsabili della revisione legale 133. ART. 27 - la condotta 134. ART. 27 - oggetto materiale 135. ART. 27 - elemento psicologico 136. ART.29 – Impedito controllo 137. ART.29 – La condotta 138. Riforme del 2002 - 2005: effetti sul'articolo 29 139. ART.2636 - Illecita influenza sull’assemblea 140. Versione passata della norma di illecita influenza sull'assemblea 141. Riforma del 2002: effetti sull'articolo 2636 142. Reati in materia di tutela del capitale sociale 143. ART.2632 – Formazione fittizia del capitale sociale 144. ART.2632 – Formazione fittizia del capitale sociale: soggetti attivi 145. Tipologie di condotte per la formazione fittizia del capitale 146. ART.2627 – Illegale ripartizione degli utili e delle riserve 147. ART.2628 – Illecite operazioni sulle azioni o quote sociali o della società controllante 148. Definizione di "buy back" e di "leverage by out" 149. Art. 2628 - Comma 2 150. ART.2629 – Operazioni in pregiudizio dei creditori 151. Ipotesi di riduzione del capitale sociale 152. ART.2626 – Indebita restituzione dei conferimenti 153. ART.2633 – Indebita ripartizione dei beni sociali da parte dei liquidatori 154. ART.2630 e ART.2631 del Codice Civile 155. Infedeltà degli organi sociali interni alla società: fenomeni di corruzione 156. Art.2634 – Infedeltà patrimoniale 157. Art.2629 Bis – Omessa dichiarazione del conflitto di interessi 158. Art.2391, COMMA 1 159. ART.2635 – Infedeltà a seguito di dazione o promessa di utilità 160. ART.28 Decreto 39/2010 161. Storia della normativa di tutela del mercato finanziario 162. Storia della normativa relativa all'insider trading 163. Definizione ed esempio di - Insider Trading 164. Definizione ed esempio di tipping 165. Definizione di aggiotaggio 166. Definizione di aggiotaggio informativo 167. Definizione di aggiotaggio manipolativo 168. Definizione di aggiotaggio bancario 169. Contenuti dell’ART.187 TER 170. Disciplina relativa ai reati fallimentari 171. Normativa relativa all'ipotesi di bancarotta 172. Bancarotta propria – dell’imprenditore persona fisica 173. Bancarotta fraudolenta - ART.216 174. Le condotte di bancarotta fraudolenta 175. Definizione di bancarotta semplice patrimoniale - art.217 176. Definizione di bancarotta documentale 177. Definizione di bancarotta documentale semplice - ART.217 COMMA 2 178. Definizione di bancarotta preferenziale 179. Definizione di bancarotta impropria 180. Bancarotta preferenziale: esiti della riforma

 

Dettagli dei contenuti:

Per approfondire questo argomento:

Altri appunti correlati:

Valuta questo appunto:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.