Skip to content

Giustizia amministrativa:

Questi appunti riassumono il volume di Aldo Travi su "Lezioni di giustizia amministrativa". Dopo un breve excursus storico (dal Regno di Sardegna alle riforme legislative) si analizzano i profili principali dell'attività amministrativa, la tutela nei confronti delle parti interessate e i caratteri salienti del processo amministrativo.

Indice dei contenuti:

1. Gli Istituti della giustizia amministrativa 2. Le ragioni di un sistema di giustizia amministrativa 3. Le origini della giustizia amministrativa: cenni al sistema francese 4. Sistemi di tutela giurisdizionale del cittadino: modelli monistici e modelli dualistici 5. La giustizia amministrativa nel regno di Sardegna 6. Il modello del contenzioso amministrativo nel regno di Sardegna 7. Il declino dei tribunali del contenzioso amministrativo 8. La legge 20 marzo 1865 n. 2248: abolizione dei giudici ordinari del contenzioso amministrativo 9. L’allegato D della legge 20 marzo 1865: l’assetto del Consiglio di Stato 10. L’allegato E della legge 20 marzo 1865: l'abolizione del contenzioso amministrativo 11. La tutela dei cittadini nei confronti dell’amministrazione (allegato D della l. 2248/1865) 12. Il bilancio dell’allegato E nei primi anni successivi al 1865 13. La legge 3761 sui conflitti del 1877 14. L’istituzione della Quarta Sezione nel diritto amministrativo italiano 15. La Quarta Sezione: tutela contro il provvedimento amministrativo 16. Limiti ed esclusioni della tutela della Quarta sezione 17. La riforma del 1907: il carattere giurisdizionale della Quarta sezione 18. La riforma del 1923 e l’istituzione della giurisdizione esclusiva 19. Conseguenze della riforma del 1923 sulla giurisdizione esclusiva 20. L’entrata in vigore della Costituzione e l’istituzione dei Tar 21. La legge 205/2000 e le innovazioni recenti 22. La delega al Governo e la giurisdizione esclusiva in materia di vertenze amministrative 23. Definizione di interesse legittimo nel diritto amministrativo 24. La distinzione fra interessi legittimi e diritti soggettivi nel diritto amministrativo 25. L’interesse legittimo e il “potere” dell’amministrazione 26. I profili dell’attività amministrativa: autoritarietà o autoritatività 27. I profili dell’attività amministrativa: funzionalità alla realizzazione dell’interesse pubblico 28. I profili dell’attività amministrativa: infungibilità 29. I profili dell’attività amministrativa: produzione di effetti giuridici 30. I profili dell’attività amministrativa: competenza esclusiva 31. Influsso del diritto comunitario sul diritto amministrativo 32. La questione dei diritti “perfetti” in giurisprudenza 33. Distinzione fra norme d’azione e norme di relazione in giurisprudenza 34. Distinzione fra attività vincolata nell’interesse pubblico e attività vincolata nell’interesse privato 35. Distinzione fra cattivo esercizio del potere e carenza di potere 36. La teoria dei diritti “perfetti” in giurisprudenza 37. L’interesse legittimo come posizione soggettiva differenziata e qualificata 38. L’interesse legittimo come posizione di diritto sostanziale 39. La tutela giurisdizionale dell’interesse legittimo 40. Natura processuale e sostanziale dell’interesse legittimo 41. L’identificazione del “bene della vita” alla base dell'interesse legittimo 42. L’utilità dell’interesse legittimo 43. Il rapporto fra interesse legittimo e diritto soggettivo 44. Interessi legittimi e risarcimento del danno 45. Interessi legittimi e risarcimento del danno fino agli anni ‘90 46. Interessi legittimi e risarcimento del danno: la sentenza delle Sezioni Unite 500/1999 47. Interessi legittimi e risarcimento del danno: la legge 205/2000 48. Interessi legittimi e interessi semplici 49. Tutela giurisdizionale del cittadino nei confronti della Pubblica Amministrazione: principi costituzionali 50. La figura del giudice: principi costituzionali 51. Il diritto d’azione: l’art. 241-2 cost. 52. L’art. 241-2 cost.: effettività della tutela giurisdizionale rispetto alla tutela cautelare 53. L’art. 241-2 cost.: effettività della tutela giurisdizionale nel giudizio in materia di pubblico impiego. 54. L’art. 241-2 cost.: limiti alla giurisdizione condizionata 55. L’art. 241-2 cost.: subordinazione della tutela giurisdizionale dei diritti soggettivi al procedimento amministrativo 56. L’art. 241-2 cost.: illegittimità dell’arbitrato obbligatorio 57. L’art. 241-2 cost.: l’istituto dell’opposizione di terzo nel processo amministrativo 58. I principi sull’azione: l’art. 1112 cost. 59. I principi sull’azione: l’art. 113 cost. 60. I principi sull’assetto della giurisdizione amministrativa 61. L’azione del cittadino e la giurisdizione del giudice 62. Il riparto fra giurisdizione ordinaria e giurisdizione amministrativa 63. Il giudice ordinario e la Quarta sezione: criterio del petitum 64. Il giudice ordinario e la Quarta sezione: causa petendi e la teoria della prospettazione 65. Il giudice ordinario e la Quarta sezione: il petitum sostanziale 66. Il riparto della giurisdizione nelle vertenze risarcitorie per danni a interessi legittimi 67. I limiti interni della giurisdizione ordinaria nel processo di cognizione 68. Definizione di atto amministrativo 69. La tipologia delle sentenze del giudice ordinario nei confronti dell’Amministrazione 70. La disapplicazione degli atti amministrativi 71. Il giudice ordinario e i procedimenti speciali nei confronti dell’amministrazione 72. Il giudice ordinario: sanzioni amministrative pecuniarie 73. Il giudice ordinario e i trattamenti sanitari obbligatori 74. Il giudice ordinario e i provvedimenti del Prefetto di espulsione di stranieri 75. Il giudice ordinario e le decisioni del garante 76. Le disposizioni processuali particolari per il giudizio in cui sia parte un’amministrazione statale 77. Il giudice ordinario e le controversie di lavoro dei dipendenti delle amministrazioni 78. I poteri riconosciuti al giudice ordinario nelle controversie di lavoro con Pubbliche Amministrazioni 79. L’esecuzione forzata nei confronti dell’Amministrazione 80. Esecuzione forzata dell’Amministrazione: legislazione speciale sull’espropriabilità dei beni e giudizio di ottemperanza 81. Definizione di ricorsi amministrativi 82. Ricorso ordinario e ricorso straordinario 83. Rimedi rinnovatori e rimedi eliminatori (o cassatori) 84. Ricorsi ammessi solo per vizi di legittimità e ricorsi ammessi anche per vizi di merito 85. La situazione soggettiva qualificata fatta valere dal ricorrente 86. Il ricorso gerarchico nel diritto amministrativo 87. L'organo sovraordinato del ricorso gerarchico nel diritto amministrativo 88. La tutela del contraddittorio rispetto all'organo sovraordinato nel diritto amministrativo 89. L'istruttoria nel ricorso gerarchico nel diritto amministrativo 90. La decisione nel ricorso gerarchico nel diritto amministrativo 91. I rapporti con il ricorso giurisdizionale 92. I rimedi ammessi contro la decisione del ricorso gerarchico nel diritto amministrativo 93. Il problema del “silenzio” nel ricorso gerarchico 94. Il silenzio dell’amministrazione come rigetto 95. Il ricorso gerarchico improprio e il ricorso in opposizione 96. Il ricorso straordinario nel diritto amministrativo 97. La garanzia del contraddittorio nel diritto amministrativo 98. L'alternatività del ricorso al giudice amministrativo 99. L'impugnazione giurisdizionale della decisione del ricorso straordinario 100. Quadro generale della giurisdizione amministrativa 101. La giurisdizione esclusiva nel diritto amministrativo 102. Giurisdizione di legittimità e giurisdizione estesa al merito 103. Interpretazione classica della giurisdizione di merito 104. Interpretazione non classica della giurisdizione di merito 105. Giudizio di ottemperanza nella giurisdizione di merito 106. Giurisdizione di merito: la tutela diretta 107. Giurisdizione limitata agli interessi legittimi 108. Ipotesi di giurisdizione esclusiva o giurisdizione sui diritti soggettivi 109. La competenza del giudice amministrativo: le domande risarcitorie 110. Il riparto tra giudice amministrativo e giudice ordinario nei casi di giurisdizione esclusiva 111. La giurisdizione esclusiva nel processo amministrativo 112. La difficoltà di una tutela adeguata dei diritti soggettivi nel processo amministrativo 113. Le condizioni generali per l’azione nel processo amministrativo 114. Interesse a ricorrere nel processo amministrativo 115. Legittimazione a ricorrere nel processo amministrativo 116. La tipologia delle azioni nel processo amministrativo 117. L’azione costitutiva nel processo amministrativo 118. L’azione di mero accertamento e l’azione di condanna nel processo amministrativo 119. L’azione di condanna nel processo amministrativo 120. Il giudizio di ottemperanza nel processo amministrativo 121. L'azione risarcitoria e l’annullamento del provvedimento lesivo 122. Sentenza di reintegrazione in forma specifica 123. La tutela nel confronto del silenzio-rifiuto dell'amministrazione 124. La tutela del diritto d’accesso ai documenti amministrativi 125. Il giudice amministrativo e la sua competenza 126. I criteri generali di riparto della competenza: l’efficacia dell’atto 127. Il criterio del foro del pubblico impiego 128. La giurisdizione esclusiva nei giudizi del pubblico impiego 129. Il regolamento di competenza del Tar 130. Il consiglio di stato nell’ambito del processo amministrativo 131. Nozione di parti necessarie nel processo amministrativo 132. Le parti necessarie nel processo amministrativo: il ricorrente 133. Le parti necessarie nel processo amministrativo: l’Amministrazione 134. Le parti necessarie nel processo amministrativo: i contro interessati 135. Le parti non necessarie nel processo amministrativo 136. Parti non necessarie: la tutela dell’interesse 137. L’intervento iussu iudicis nel processo amministrativo 138. La capacità processuale e il patrocinio legale 139. I principi generali del processo: principio della domanda 140. I principi generali del processo: i motivi aggiunti 141. I principi generali del processo: domande riconvenzionali 142. I principi generali del processo: il principio del contraddittorio e la necessità dell’impulso di parte 143. Il rapporto con la disciplina del processo civile 144. Il giudizio di primo grado nel processo amministrativo: la fase introduttiva 145. I contenuti necessari del ricorso al giudizio di primo grado 146. Contenuti necessari del ricorso: oggetto della domanda e vizio dell’atto impugnato 147. Ricorso al giudizio di primo grado: notifica, pubblicazione e piena conoscenza 148. Il ricorso per motivi aggiunti e l’errore scusabile 149. Il deposito del ricorso 150. Lo svolgimento del giudizio nel diritto amministrativo 151. L’intervento e l’istanza durante il ricorso al Tar 152. L’udienza di discussione e la sentenza 153. I riti speciali nel processo amministrativo 154. Il giudizio in materia elettorale nel processo amministrativo 155. Diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali 156. Giudizio a tutela del diritto d’accesso 157. Giudizio nei confronti del silenzio (o silenzio-rifiuto) 158. I ricorsi disciplinati dall’art. 23 bis della legge Tar 159. I principi dell'istruttoria 160. Istruzione probatoria: l’individuazione dei fatti 161. L'istruzione probatoria: la prova dei fatti 162. L'istruzione probatoria: il principio del libero apprezzamento del giudice 163. I provvedimenti istruttori e i singoli mezzi istruttori 164. La richiesta di chiarimenti, di documenti e le verificazioni durante l'istruttoria 165. La consulenza tecnica durante l'istruttoria 166. La limitatezza dei mezzi istruttori 167. Le ingiunzioni 168. Gli incidenti del giudizio amministrativo 169. La tutela cautelare il quadro normativo 170. I caratteri generali della tutela cautelare nel processo amministrativo 171. La tipologia delle misure cautelari 172. Innovazioni della tutela cautelare con la legge 205/2000 173. I rimedi ammessi nei confronti delle ordinanze cautelari 174. L’esecuzione delle ordinanze cautelari 175. I nuovi problemi e le prospettive della tutela cautelare 176. La decisione del ricorso nel giudizio amministrativo 177. Sentenze di rito e sentenze di merito nel giudizio amministrativo 178. Il ricorso e il giudice amministrativo 179. Gli effetti della sentenza di annullamento 180. Gli effetti della sentenza di annullamento 181. Vizio d illegittimità dell’annullamento 182. La revocazione nel diritto amministrativo 183. L’appello al Consiglio di Stato 184. L’appello al Consiglio di Stato: la nozione di soccombenza 185. La nozione di capo (o parte) di sentenza 186. La configurabilità e l’ampiezza di un effetto devolutivo dell’appello 187. L’oggetto della contestazione nell’appello 188. L’appello principale: legittimazione, contenuti dell’atto e specificità dell’impugnazione 189. L’appello incidentale nel giudizio amministrativo 190. La disciplina dei 'nova' 191. Lo svolgimento del giudizio amministrativo 192. La decisione del Consiglio di Stato e gli ulteriori gravami 193. Consiglio di Stato: vizi della della sentenza impugnata 194. Consiglio di Stato: annullamento senza riforma 195. Il ricorso alla Corte di Cassazione a Sezioni Unite 196. L’opposizione di terzo nel giudizio amministrativo 197. Soggetti legittimati a proporre l’opposizione nel giudizio amministrativo 198. Il giudicato amministrativo 199. L’esecuzione della sentenza non ancora passata in giudicato 200. Il giudizio di ottemperanza 201. Il Commissario ad acta 202. Lo svolgimento del giudizio di ottemperanza

 

Dettagli dei contenuti:

Per approfondire questo argomento:

Altri appunti correlati:

Valuta questo appunto:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.